x

E' facile dimenticarsi della poesia. Attiva le notifiche premendo sulla campanella e ti invieremo, di tanto in tanto, poesie che vale la pena condividere --->

Mia povera musa, ahimè, che cos’hai stamattina?
Nei vuoti tuoi occhi si affollano le visioni notturne
e vedo riflessi sulla tua pelle uno dopo l’altro
la follia e l’orrore, freddi e taciturni.

Il verdastro succubo e il diavoletto rosa
hanno versato la paura e l’amore dalle urne?
L’incubo, col pugno dispotico e malvagio,
ti ha annegata in un fiabesco Minturno?

Voglio che il tuo seno della salute emani
l’odore e sia dimora di forti pensieri
e che il tuo sangue cristiano scorra in armoniche onde,

come i suoni di sillabe antiche,
dove a turno regnano il padre del canto,
Febo, e il grande Pan, signore delle messi.

Ami i libri?
I Fiori del Male

Anche noi. Poetz esiste per praticità, ma alcuni libri vanno posseduti nella loro edizione cartacea. Questa è la raccolta di cui la poesia fa parte, nell'edizione scelta da noi per contenuto e bellezza.

Ottieni la raccolta!
Altra poesia su "decadentismo"