E' facile dimenticarsi della poesia. Attiva le notifiche premendo sulla campanella in basso a destra della pagina e ti invieremo, di tanto in tanto, poesie che vale la pena condividere.

Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
di me, con un terrore di ubriaco.

Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto
alberi case colli per l’inganno consueto.
Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.

Condividi

Chiaramente potresti copiare ed incollare il testo, ma non lo farai perché apprezzi la bellezza e vuoi molto bene a questo sito, credo.

Altra poesia su "esistenzialismo"