E' facile dimenticarsi della poesia. Attiva le notifiche premendo sulla campanella in basso a destra della pagina e ti invieremo, di tanto in tanto, poesie che vale la pena condividere.

Debole sistro al vento
d’una persa cicala,
toccato appena e spento
nel torpore ch’esala.

Dirama dal profondo
in noi la vena
segreta: il nostro mondo
si regge appena.

Se tu l’accenni, nell’aria
bigia treman corrotte
le vestigia
che il vuoto non ringhiotte.

Il gesto indi s’annulla,
tace ogni voce,
discende alla sua foce
la vita brulla.

Condividi

Chiaramente potresti copiare ed incollare il testo, ma non lo farai perché apprezzi la bellezza e vuoi molto bene a questo sito, credo.

Altra poesia su "natura"