x

E' facile dimenticarsi della poesia. Attiva le notifiche premendo sulla campanella e ti invieremo, di tanto in tanto, poesie che vale la pena condividere --->

Solo le labbra sigillate sapranno
quante volte hanno vacillato i deboli piedi –
Provaci – ce la farai a smuovere il chiodo orrendo?
Provaci – ce la farai a sollevare i raffi d’acciaio?

Carezza la fronte ghiaccia – che è stata così spesso
bollente – e se vuoi – solleva quei suoi snervati
capelli e tra le tue dita prendi le sue
adamantine che – mai più – porteranno un ditale –

Opache – contro la finestra della stanza – ronzano
le mosche – sul vetro maculato brilla fermo il sole –
Mentre impavida dal soffitto dondola una ragnatela –
Massaia indolente – tra margherite – composta!

Ami i libri?
Silenzi (postuma)

Anche noi. Poetz esiste per praticità, ma alcuni libri vanno posseduti nella loro edizione cartacea. Questa è la raccolta di cui la poesia fa parte, nell'edizione scelta da noi per contenuto e bellezza.

Ottieni la raccolta!
Altra poesia su ""

Non abbiamo poesia nel database che tratti gli stessi argomenti :(